Da Marrakech verso Zagora con cammello

Viaggio in Marocco, da Marrakech a Zagora l'escursione in cammello

Itinerario da Marrakech a Zagora con escursione in cammello percorso con fuoristrada 4x4 attraverso il Marocco

Giorno 1

Giorno 01: Marrakech – Ait Ben Haddou – valle del Draa – Zagora

Partenza di mattina presto per attraversare la meravigliosa valle e le montagne rosse. Lo scenario subito si trasforma quando si arriva all’Alto Atlante e si attraversa il passo di Tizi N Tichka (2260 m). Da lì passiamo i villaggi di Ighrem, Agouime e Amerzna, paesini berberi dell’Atlante, e ci dirigiamo verso la casba Ait Ben Haddou. Percorriamo la casba e ci fermiamo per pranzo in un ristorante locale con viste panoramiche.
  Si prosegue passando per Ouarzazate con gli studios cinematografici e attraversando il massiccio delle montagne dell’Anti Atlante (Tizi N Tnifift), Agdez e le ricche piantagioni di palme del Draa (si calcolano oltre 11 milioni di palme). Il Draa (berbero: Asif en Dra, arabo marocchino: واد درعة, wad derʿa; anche scritto Dra o Drâa, ed in fonti più antiche Darha o Dara) è il fiume più lungo del Marocco, con 1100 chilometri ed è formato dalla confluenza dei fiumi Dades ed Imini. Scorre dalle montagne dell’Alto Atlante verso il sud (est), verso Tagounite, e da  Tagounite nella sua maggior parte verso l’est, verso l’Atlantico, in direzione nord da Tan-Tan. Durante la maggior parte dell’anno la porzione di Draa da Tagounite in poi si prosciuga.
Le acque del fiume del Draa si utilizzano per irrigare le foreste di palme e per la piccola coltura di ortaggi lungo il fiume. Gli abitanti del Draa sono noti come drawa arabi, a Shilha Idrawiyn, il drawin (singolare per drawa) più celebre fu, senza dubbio, il sultano Mohammed ash-Sheikh (1490–1557). Fuori della regione, il nome si usa maggiormente per fare riferimento alla gente di pelle scura del Draa, ovvero la maggior parte dei suoi abitanti.
Durante la prima metà del ventesimo secolo, la parte inferiore del Draa segnava la frontiera fra il protettorato francese del Marocco e l’area sotto dominio spagnolo.
Si calcola che nella valle del Draa vi abitano circa 225.000 persone, in un’area di 23.000 metri quadri. La valle corrisponde alla provincia di Zagora, creata nel 1997, nella regione di Souss-Massa-Drâa. Nella provincia ci sono 23 villaggi e due città: Zagora e Agdz. Il villaggio di Tamegroute, vicino a Zagora, è conosciuto per la sua Zawiya.
Nella valle ci sono le formazioni di Fezouata, depositi di argillite di Burgess appartenenti al Basso Ordoviciano, riempendo un importante spazio di conservazione  tra il Lagerstätten Cambrico comune ed il Soomshale del Tardo Ordoviciano. Nella fauna fossilizzata se trovano numerosi organismi che si credevano scomparsi dopo il Mezzo Cambrico.
A Zagora ha luogo il percorso in cammello (1,5 ore) per godere del tramonto e passare la notte in un accampamento berbero del luogo.

Giorno 2

Giorno 2: Zagora – Valle del Draa – Ouarzazate – Marrakech

Sveglia presto per apprezzare l’alba sulle dune. Ritorno a Zagora sul cammello. Saliamo sulla nostra macchina per far ritorno a Ouarzazate. Visita della casba Taourirt e pranzo. Ritorno a Marrakech nel pomeriggio.

Cartina Viaggio in Marocco, da Marrakech a Zagora l'escursione in cammello

Tour da Marrakech verso il deserto di Zagora di 2 giorni
Noleggio

Noleggio

Informazioni pratiche

Informazioni pratiche